Stampante 3D quale scegliere

28 Ott 2015
Nota bene: In questo articolo “Stampante 3D Quale Scegliere” non voglio fare comparazioni o screditare stampanti pubblicizzandone altre, perché tutto ciò mi sembra poco professionale. L’analisi che farò verterà a farti capire quale sia il tipo di stampante 3d che più si allinea alle tue esigenze.

Una domanda che mi viene posta frequentemente, tra email e messaggi privati, è :”Quale Stampante 3D mi consigli di acquistare o costruire?”.
La mia risposta, nel 90% dei casi, è :”Dipende“.  Sì, dipende, perché prima di soffermarsi sulla scelta della macchina in base alle caratteristiche tecniche (volume di stampa, spessore minimo degli strati, numero di estrusori, ecc.) è bene chiedersi per cosa utilizzeremo la stampante, in modo tale da evitare di spendere i propri soldi per un costoso ed ingombrante soprammobile 🙂
Non c’è infatti una stampante universale, compatibile con le esigenze di tutti, bensì ci sono moltissimi modelli che puntano ad un settore specifico del mercato e alle diverse esigenze del singolo. Detto questo, e solo dopo un’attenta analisi volta capite le nostre vere intenzioni, possiamo passare alla scelta della macchina.

Il parco stampanti che il mercato ci propone è vastissimo, ogni mese vengono mostrate al pubblico decine se non centinaia di modelli differenti, e questo numero è destinato ad aumentare. Per fare un po’ di ordine ci conviene considerare tre macrocategorie:

  • Personali
  • Professionali
  • Per la Produzione

Stampanti 3D personali

Le stampanti 3d personali sono quelle che rientrano nella fascia di prezzo 300-3000 euro circa. Appartengono alla  categoria tutte le stampanti del progetto opensource RepRap e molte delle più commercializzate sia in europa che nel mondo. Sono stampanti caratterizzate dalla buona affidabilità e qualità del prodotto finito, ma soprattutto dal prezzo contenuto che ha consentito la diffusione di questa tecnologia su larga scala.
Se sei intenzionato a realizzare creazioni nel tuo laboratorio e se vuoi introdurti in questo mondo è consigliabile scegliere questo tipo di macchine. Cliccando qui potrai vedere una lista di 3d printers (in costante aggiornamento) che appartengono a questa fascia di prezzo.

Ho due consigli da darti:
1. Se sei intenzionato ad acquistare una stampante già assemblata non ti accontentare delle recensioni su internet: chiedi test di stampa ai produttori e, se possibile, recati alle numerose fiere ed eventi per poter vedere di persona il prodotto.
2. Se sei un hobbista o maker ti consigli di acquistare un kit di montaggio e assemblarla autonomamente. Ciò ti permetterà di comprendere appieno la tecnologia che sta alla base, ma soprattutto risparmierai soldi preziosi che potrai utilizzare per upgrade futuri.

Personalmente ho scelto d’intraprendere questa seconda strada partendo da una RepRap Prusa i3. Assemblarla costa circa 400/500 euro, è facile da montare e i risultati ottenibili con una buona calibrazione sono più che soddisfacenti. Conosco anche altre stampanti più economiche ma questa, a mio avviso, è un buon compromesso qualità/prezzo. Ad oggi è anche la stampante più diffusa tra i makers, grazie a ciò troverai una community intera pronta ad aiutarti: RepRap Forum e RepRap Italia sono solo un esempio.

Durante la scelta dovresti tenere conto di queste caratteristiche principali:

  • Volume di stampa
  • Qualità (altezza minima degli strati) e velocità di stampa.
  • Qualità dei materiali impiegati
  • Software utilizzati in dotazione
  • Tecnologia impiegata (FDM, SLA, SLS, ecc.)
  • Garanzia ed assistenza tecnica

Molte stampanti appartenenti alla categoria “personal” posso essere impiegate per fare business tramite service di stampa 3d, aiutandoti a ripagare le spese. Se vuoi intraprendere questa strada cerca di non andare troppo al risparmio per non inficiare la qualità finale dell’oggetto stampato.

Stampanti 3D professionali e per la produzione

La linea di demarcazione che separa le prime due categorie è veramente sottile ed ora ti spiego il perché: vista l’ottima qualità degli oggetti stampati che si è riusciti a raggiungere oggi, come ti ho già detto è possibile fare del business anche con le stampanti 3d personali, addirittura con macchine derivate da progetti opensource; tutto sta nell’accortezza dell’impiego di ottimi materiali per  la realizzazione della stampante e di settaggi ad hoc di meccanica ed elettronica. Quindi è davvero difficile fare una netta distinzione tra stampanti 3d professionali low cost e stampanti 3d personali. Però  fai sempre attenzione e verifica che la macchina valga i soldi che ti chiedono.

Le stampanti per la produzione sono macchine che arrivano a costare centinaia di migliaia di euro, sono utilizzate nell’industria per la realizzazione di oggetti molto complessi e costosi da fabbricare con le normali tecniche sottrattive. Non avendo esperienza diretta non mi sento di esprimere giudizi in merito.

Se hai ancora dubbi non esitare a lasciare un commento qua sotto!

Supportami cliccando sui tasti:

Ti ringrazio.
Un saluto,

Balza.


  • Thomas

    Che cosa ne pensi della m3d printer? Buona come stampante di partenza?

    • Ciao Thomas,
      non ho mai avuto modo di vederla dal vivo. Alcuni ne parlano abbastanza bene, altri male.
      Tutto dipende da quello che uno deve fare con la stampante 3d e soprattutto se è disposto a scendere a compromessi (bassa risoluzione, ridotto volume di stampa,ecc.). Personalmente la cosa che mi darebbe più fastidio è dover splittare i file ogni volta per stamparli a più riprese visto il volume di stampa ridotto.

      In questo momento in cui ti scrivo la CTC si sta rivelando la miglior macchina rapporto qualità/prezzo: http://amzn.to/1PSamML
      E’ praticamente identica a quella che uso io nelle mia serie “La Stampa del Lunedì”; tre ragazzi che mi seguono l’hanno comprata e si stanno trovando molto bene. Ha un volume di stampa doppio rispetto alla m3d e soprattutto è molto più solida. Possiede anche il doppio estrusore e per 100 euro in più il gioco vale la candela!

      Se vuoi spendere la metà e hai tempo da dedicarci allora non posso che consigliarti un kit Prusa i3 (ad esempio questo http://s.click.aliexpress.com/e/ujeQFujMb) dal quale anche io sono partito anni fa (pagandolo la bellezza di 750 euro però). In 5 o 6 ore di montaggio, documentato tramite guida, sei pronto a stampare. La qualità delle stampe dipenderà però dal tempo investito nelle calibrazioni.

      Riassumendo: la m3d, da quello che ho visto, mi sembra un giocattolino con cui puoi stampare…giocattoli! Per 100 euro in più puoi prendere qualcosa di più serio.
      Spero di esserti stato d’aiuto e se hai bisogno di altro chiedi pure!